Lo Statuto dell'associazione

OLIMPIO CARI

mausoPer tradizione di famiglia da sempre musicista, Olimpio si è "scoperto" pittore nel 1985, dopo una visita sulla tomba del grande pittore russo Marc Chagall in Provenza e una chiamata quasi telepatica alla pittura. Da allora ha esposto le sue opere in ca. 60 mostre, tenute in Italia e all'estero (Francia, Svizzera, Austria,cari1 Slovacchia, Ungheria), suscitando sempre interesse e plausi per la particolare tecnica usata (dipinti sul retro del vetro) e per lo stile molto personale delle sue pitture.
Da alcuni anni realizza anche "sculture", restituendo a legni "morti", trovati in laghi, fiumi e mari, una nuova anima e vita.

Ha pubblicato il cari3libretto "Appunti di viaggio. Tracce di un'infanzia zingara" (edito nel 2005 anche in lingua tedesca, presso una casa editrice di Vienna, con il titolo di "Unterwegs. Spuren einer Zigeunerkindheit" che comprende racconti con i ricordi della sua infanzia e poesie.