Archivio post

La discriminazione distribuita gratuitamente.

La discriminazione distribuita gratuitamente.

Che cosa sta succedendo in Italia… mentre tutti gli stati vogliono l’unità… l’Italia vuol dividere.

Ieri gli Stati Uniti d’America, unì gli stati Americani. Oggi è l’Europa che si sta unendo, l’Europa Unita per creare un solo grande Stato, il progettato e realizzato grazie alla volontà di grandissimi personaggi che hanno avuto la costante volontà di lavorare tutti insiemi, riuscendo a fare un grandissimo lavoro di squadra e solidarietà, hanno voluto costruire qualcosa di veramente grande… colossale… l’Europa Unita, una creazione di una grandissima utilità commerciale per tutti i popoli riuniti, dando del lavoro e prosperità a tantissime persone, (compresi i sinti) l’eliminazione della disoccupazione, a portare la conoscenza reciproca, di far scomparire la discriminazione, l’emarginazione, il razzismo, di trattare tutti gli esseri umani con rispetto e considerazione, di accettare tutte le culture, tradizioni e lingue esistenti, ( esclusi quelle sinte e rom) di poter lavorare in tutto il mondo in un’assoluta tranquillità e sicurezza, senza nessun tipo di pregiudizio razziale o di qualsiasi altro genere d’impedimento alla prosperità nell’avvenire presente.

L’Europa Unita per convivere con tutti i popoli esistenti.

 Esclusi i popoli dei sinti e rom, perché per i popoli dei Sinti e rom (italiani) non c’e’ l’Europa Unita.

Venerdì 18 maggio sui giornali una bella sorpresa per tutti i Sinti e Rom, in Italia e ritornata la reclusione forzata per i colpevoli del reato d’essere Sinti o rom.

Siamo ritornati all’ 11  settembre 1940 dove Sinti e rom venivano internati nei speciali campi costruiti solo per Sinti e rom.

Oggi anno 2007 pari opportunità per tutti i popoli…

(non per i Sinti e rom)

 siamo ritornati all’epoca dei esperimenti sui Sinti e rom, solamente perché di tale etnia…cioè nessuno…

I sinti e rom non hanno un Stato che li difende,

Le parole del dott. Johann Trost lo confermano…

Ma perché scegliere gli zingari per questi esperimenti?

Tutti disprezzavano gli zingari, di razza pura o meticcia: tutti, dai deportati alle SS. Allora perché rinunciare? Chi si sarebbe lamentato? Chi avrebbe testimoniato? Gli zingari contavano ancor meno degli ebrei. Gli zingari non avevano nessuna rappresentanza negli stati che li avevano visti nascere. Essi non esistevano a livello nazionale o internazionale. Al limite siamo stati in presenza di un delitto perfetto. Un delitto senza cadaveri. Chi volete ancora oggi che reclami uno zingaro.                                     

Testimonianza del dottor Johann Trost ex deportato a Dachau, resa alla commissione olandese

 per i crimini di guerra.

Oggi ritorniamo a questo,

All’epoca dei crimini impuniti.

 

Radames Gabrielli

Sinto di Bolzano