Archivio post

Svegliati Europa

Svegliati Europa, l’Italia è tornata al 1940

postato da sucardrom

 

Sabato 19 Maggio 2007 ore 13:35:11

11 settembre 1940, il Ministro dell’Interno da mandato ai Prefetti di internare di tutti i Sinti e i Rom Italiani e di allontanare di tutti i Rom Europei. 18 maggio 2007, il Ministro dell’Interno da mandato ai Prefetti di internare in "speciali campi" alcuni Sinti e Rom ed allontanare i Sinti e i Rom in "esubero". Nella sola Roma il Prefetto Serra è pronto alla cacciata di 10.000 persone (fonte, la Repubblica, pagina 6, 19 maggio 2007).

Alla fine è successo l’inevitabile. Il Ministro Amato e il Viceministro Minniti firmano gli accordi tra governo ed enti locali per contrastare la criminalità (fonte, Ministero dell’Interno).

I Cittadini Italiani ed Europei, residenti in Italia e appartenenti alle minoranze sinte e rom, da oggi sono dei criminali e lo Stato Italiano sancisce questo assioma ufficialmente con il Governo Prodi che doveva impegnarsi a riconoscerne lo status di minoranze etniche linguistiche a queste popolazioni.

Roma e Milano sono solo le prime due città a sottoscrivere gli accordi ma presto se ne aggiungeranno altre, trasformando l’Italia nella prima nazione occidentale dove viene calpestata con un atto ufficiale la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Poteri speciali alle forze di polizia che avranno le “mani libere” di infrangere tutti i diritti costituzionali per controllare i "campi", dove saranno concentrati i Sinti e i Rom.

Nella tragedia c’è anche chi getta benzina sul fuoco come l’articolo di Repubblica, dove esprime il suo punto di vista l’Opera Nomadi Nazionale: "Oltre ai 160 mila tra rom, sinti, camminanti e rom romeni già presenti in Italia, potrebbero aggiungersi nei prossimi mesi almeno altri 60 mila rom romeni che andranno a modificare quei già difficili equilibri raggiunti dopo lunghi anni di compromessi e fallimenti".

La giornalista Claudia Fusani si “impegna” e di seguito scrive: “In Romania c'è una "bomba" potenziale di due milioni e mezzo di rom in partenza verso l'occidente per cui si stanno spalancando le porte dell'Europa”.

A Milano tutto questo costerà allo Stato diversi milioni di euro, la prima stima per il 2007 è di 132 milioni. A Roma non si sa nulla e per questo Alemanno (Alleanza Nazionale) contesta il protocollo d’intesa e chiede che siano previste nuove norme per sanzionare: il vagabondaggio, l’accattonaggio e l’occupazione abusiva.

Interessante uno dei commenti dell’autore di questa vergogna nazionale, il Ministro Amato: “Il tragico errore della sinistra è che pensa che il problema della sicurezza sia un problema dei ricchi che hanno qualcosa da difendere. Il problema della sicurezza, oggi, nella società, lo sente chi ha pochissimo da difendere e che, per questo, si difende ancora più aspramente, diventando nemico di chi gli sarebbe simile.” (fonte, la Repubblica, pagina 6, 19 maggio 2007).

Il ministro continua e si raggiunge il paradosso: “Questa è la peggiore azione che si può fare e che ha l’effetto di «desolidarizzare», di allontanare coloro che hanno difficoltà l’uno dall’altro”. E infatti pensa, insieme a Serra, di costruire quattro “campi” isolati nella campagna romana, dove rinchiudere cinque mila persone, sotto stretto controllo di una forza speciale di polizia; il resto sarà cacciata e si ritroverà disperata e braccata nel resto dell’Italia.

Certo la stangata elettorale in Sicilia ha fatto male al centro-sinistra e per questo non perde tempo nel confezionare un “pacchetto sicurezza” che farebbe arrossire qualsiasi esagitato razzista che nemmeno nei suoi sogni più arditi ha mai osato considerare.

Le parole d’ordine nel centro sinistra sono altre: tutti pronti per le prossime elezioni amministrative (uno sguardo al nuovo governo francese di destra non farebbe male agli amiconi dei nascenti: partito democratico e sinistra europea) nella speranza che superando arditamente gli esagitati di alcune formazioni politiche di centro-destra nostrane, si possa stravincere e riportare il Paese al 1940.

A questo punto chiediamo: Europa dove sei?