Giornata della Memoria 2009

5608_lager_di_via_resia.jpg

Il giorno della Memoria si avvicina.

Il 27 gennaio anche quest'anno in tutto il mondo si ricorderanno i cancelli abbattuti del Lager di Auschwitz e la fine di quel tragico capitolo della storia dell'umanità. 

Anche Bolzano  ha la sua pagina di storia da  raccontare con le migliaia di persone rinchiuse nel campo di transito di via Resia, di cui oggi rimane visibile il muro di cinta. La maggior parte di quelli che sono passati dal campo di via Resia, verso i campi di sterminio oltreconfine, non sono mai più tornati. 

Fra loro anche tanti rom e sinti, sebbene questa parte della storia del genocidio nazista sia ancora poco conosciuta. Nei documenti riguardo il campo di via Resia, rimane traccia ad esempio di Edvige Mayer -sorella del poeta sinto Vittorio Mayer Pasquale "Spatzo"- arrestata con la sua Famiglia a Castel Tesino e morta appena ventenne nel lager di Bolzano.

Per commemorare anche i caduti sinti e rom, il 27 gennaio alle ore 11, durante le cerimonie di commemorazione del Comune , l'associazione Nevo Drom con una rappresentanza della comunità sinta di Bolzano, deporrà una corona commemorativa presso il muro del Lager.