SINTENGRE LAIDI

manifesto_piccolo

 SINTENGRE LAIDI

Il giorno della memoria per i sinti

In occasione della giornata della memoria 2007, l’associazione Nevo Drom, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e la Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone, organizza una serie di appuntamenti culturali per approfondire il tema della deportazione razziale di sinti e rom.

Durante il nazismo rom e sinti vennero marchiati come etnia ‘antisociale’, irrecuperabili da annientare fisicamente o da utilizzare come cavie da laboratorio. Lo sterminio nazi-fascista non è tuttavia un evento storico a se stante, ma parte di un continuum.  Sinti  e  rom  hanno  subito persecuzioni e vessazioni sin dalle origini della loro storia, vessazioni che durante il periodo nazifascista culminarono in un sistematico piano di “pulizia etnica” mascherato, per lo meno in Italia, da leggi sull’ordine e la sicurezza sociale.

Oggi purtroppo le cose per sinti e rom non vanno molto meglio: allo sterminio fisico si è preferita l’omologazione culturale; le aree che le nostre città destinano loro sono spesso luoghi insalubri, funzionali alla ghettizzazione e caratterizzati da ogni genere di fattori inquinanti altamente nocivi per la salute.

L’iniziativa del 26 gennaio ha il patrocinio del Comune di Bolzano, viene realizzata con il sostegno dell’Archivio storico di Bolzano e con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Bolzano.

Per ulteriori informazioni contattare Radames Gabrielli al num. di cell. 329 1651149.


Gli eventi:

MOSTRA FOTOGRAFICA DOCUMENTARIA

dal giorno 22 al giorno 26 gennaio presso il Foyer del Comune di Bolzano sarà esposta una mostra fotografica e documentaria dal titolo “Porrajmos, altre tracce sul sentiero per Auschwitz”, realizzata dall’associazione Nevo Drom e dall’Istituto di Cultura Sinta. 

 

TRASMISSIONI RADIOFONICHE

I giorni 25, 26 e 27 gennaio alle ore 20,30 su Radio Sacra Famiglia (91.2 mhz) verrà trasmesso il documentario radiofonico dal titolo “Porrajmos, la persecuzione e lo sterminio nazifascista dei Rom e dei Sinti”. Tre puntate di mezz’ora l’una per ascoltare un pezzo di storia dalla voce di rom e sinti sopravvissuti allo sterminio, oltre che i commenti di alcuni storici ed esperti della cultura rom e sinta. Il documentario realizzato da Radioparole, viene trasmesso a cura della Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone, che prosegue così un lavoro, avviato da anni, di sensibilizzazione sulle tematiche inerenti la convivenza con le popolazioni di sinti e i rom.

 

INCONTRO PUBBLICO

L’incontro, che da il nome all’intera iniziativa, SINTENGRE LAIDI, si svolgerà il giorno 26 gennaio dalle ore 18,00 presso la sala di rappresentanza del Comune di Bolzano.

Negli interventi, si alterneranno le voci di sinti, che testimonieranno anche di esperienze vissute in prima persona, a quelle di non sinti coinvolti quotidianamente nella battaglia contro il razzismo che ha portato, come estrema soluzione, allo sterminio nazifascista. Saranno proiettate alcune testimonianze e un breve documentario sul lager di Bolzano, realizzato da Radames Gabrielli. Sarà presentata una pubblicazione dal titolo “A forza di essere vento, lo sterminio nazista degli Zingari”, due dvd con video, interviste e documenti (AAVV, editrice A, Milano). Inoltre sarà esposta a cura della Biblioteca del Mondo una fornita bibliografia sull’argomento.

 

PROGRAMMA COMPLETO