Un pensiero per Don Bruno Nicolini

Don Bruno nicolini e scomparso, questa notizia rattrista moltissimi Sinti che l’hanno conosciuto di persona, specialmente noi Sinti di Bolzano, Don Bruno Nicolini era il primo parroco che ci a portato la grande parola di Dio in casa, avevo si o no un 5 anni di quando mi ricordo di lui, mi ricordo che quando lui e la Mirella Carpati venivano a casa nostra a fare messa all’aperto, tantissime volte gli facevo da chirichetto, ci fece conoscere e fare la prima Santa Comunione e la Santa Cresima dal vescovo di Bolzano, penso proprio che il suo prezioso lavoro incomincio dalla mia grande famiglia qui a Bolzano, anche perché all’epoca eravamo solo noi Sinti qui a Bolzano, e i rom arrivaro molto tempo dopo.
Don Bruno Nicolini e Mirella Carpati ci avevano fatto conoscere tantissime cose, come la frequenza scolastica, grazie a loro oggi anche i sinti hanno potuto studiare e sapere almeno leggere e scrivere, ha creato il lacio drom nonche, l’opera nomadi e tantissimo altro.
Lui e mio padre lavoravano tantissimo insieme,erano diventati amici,  mio padre e il mio prozio andarono perfino dalla Madonna di Luordes come barilieri per i malati in treno con lui, ma insieme fecero tantissime cose belle e utili alla popolazione Sinta di Bolzano ma anche per tutti i Sinti d’Italia, compresa la popolazione Rom.
Mi dispiace moltissimo per la sua scomparsa e per la mia mancata partecipazione al suo funerale a dargli il mio ultimo saluto, spero che nell’altro mondo, vicino a Dio abbia incontrato il suo amico, mio padre Balino.
Invio le mie e anche a nome dei sinti di Bolzano sincere condoglianze ai famigliari e specialmente a Mirella Carpati carissima amica .
Peslingo,  Radames Gabrielli