Una ragazza d’etnia Sinti all’università di Trento

Questa e l’interazione che l’Associazione Nevo Drom sta portando avanti da circa tre anni, con la convinzione che solo con l’interazione fra le popolazioni si potrà arrivare ad un cambiamento definitivo e decisivo, non solo per l’etnia dei sinti, ma per tutte l’etnie deboli del mondo. Questa ragazza Sinta di Bolzano (per ragioni di praivasi e presunti discriminazioni razziali nei suoi confronti, non menzioneremo il suo nome) ci ha fatto capire che l’interazione fra le popolazione può funzionare, in contrario dell’integrazione che per anni a solo portato danni, campi nomadi e odii razziali, senza dare nessuna possibilità ai ragazzi/e Sinti di entrare nemmeno nelle scuole superiori, figuriamoci all’università, perciò nessun titolo di studio a nessun Sinto dell’Trentino Alto Adige. Ma oggi, grazie all’interazione, fra la famiglia Sinta della ragazza in questione e le persone Gage con l’aiuto dell’associazione Nevo Drom, si e potuto lavorare tutti insieme a preparare questa ragazza Sinta “piena di volontà e speranza”a frequentare e superare il difficile esame, con tantissimo studio di preparazione e tantissima fortuna e riuscita a passare l’esame ed entrare nell’Università di Trento a studiare giurisprudenza, possiamo benissimo dire che questa ragazza Sinta e la prima nella storia del Trentino Alto Adige. Questa ragazza Sinta non solo cambierà il futuro suo e quello dei suoi famigliari, ma darà anche la forza a tutti/e i ragazzi/e Sinti del Trentino Alto Adige a guardare finalmente in un futuro migliore, a dare la spinta necessaria a tutti quelli che volevano e vogliono frequentare l’università ma che non ci sono mai riusciti per tantissimi fattori negativi, oggi con questo grandissimo evento per l’etnia sinti, l’associazione Nevo Drom può finalmente affermare che con l’interazione fra sinti e gage non solo si può dare un aiuto concreto, sicuro e positivo ai ragazzi Sinti che vogliono avere un titolo di studio dove si può trovare un lavoro come tutte le persone del Mondo, ma si può anche sconfiggere la discriminazione razziale che oggi si sta evolvendo a vista d’occhio, grazie all’odio razziale che stanno istigando in tutto il mondo persone d’alto livello della Francia e d’Italia, ma l’associazione Nevo Drom vuole continuare con l’interazione e portare all’università tutti/e i ragazzi/e che vorranno andarci, e farà di tutto per sconfiggere le persone che pensano solo a discriminare,scacciare e far odiare la popolazione Sinta dalla popolazione maggioritaria. Grazie a questa ragazza Sinta, alla sua tenacia, alla sua volontà, alla sua voglia di costruirsi un futuro migliore, l’associazione Nevo Drom andrà avanti e cercherà di superare tutti gli ostacoli che impediranno ai sinti di pensare ad un futuro migliore per i suoi figli.

Radames Gabrielli

q